Perchè un blog sulla nascita?

Perchè un blog sulla nascita? Perchè riflettere su come facciamo nascere i nostri figli non smette di essere necessario, nonostante molte parole si siano spese in questa direzione. Nella pratica, il cambiamento culturale indispensabile a trasformare il modo di intendere l’assistenza alla nascita fatica a progredire, evolvere e radicarsi nella mentalità degli operatori sanitari, ma spesso anche nelle persone direttamente interessate dall’arrivo di un bambino. La circolazione di idee, esperienze, informazioni e dati che provengono dalla ricerca scientifica può veicolare strumenti di conoscenza e competenze per assumere decisioni informate e consapevoli, e intraprendere un cammino di crescita partecipata, tenendo in mano saldamente le redini della propria esistenza e aiutando un nuovo essere a diventare una persona felice.



  Nel frattempo, da quando è nato questo blog si è trasformato, arricchito e ha ampliato i suoi orizzonti, perchè la nascita è vita, e la vita fa il suo corso complesso, ricco e variegato…

Buona lettura!

p.s. per chi vuole commentare:  cliccare sul titolo dell’articolo, scrivere nello spazio a fine articolo (Lascia un Commento), cliccare su “invia il commento”

…e chi vuole può seguire la pagina facebook 

https://www.facebook.com/intornoallanascita, con post integrativi su tantissimi argomenti correlati non soltanto con la nascita, ma anche con la salute globale, l’educazione e la crescita di bimbi e adulti!

 

                                         CURRICULUM VITAE

Questo è il mio percorso formativo e di esperienza professionale, in cui dichiaro

  • di essere in possesso del diploma di Scuola Superiore;
  • di aver conseguito il Diploma Universitario (attualmente equiparato alla Laurea Breve) di ostetrica presso la Clinica Ostetrico-Ginecologica dell’Università di Torino nell’anno 1978, con votazione 50/50;
  • di essere iscritta all’albo professionale presso il Collegio delle Ostetriche di Torino dall’anno 1979;
  • di aver prestato servizio in qualità di ostetrica, dal 1978 al 1985, presso vari Enti Ospedalieri, nella fattispecie:
  • Ospedale Civile di Carignano (To), in assenza di disponibilità della guardia medico-ostetrica interna, gestendo del tutto autonomamente l’ostetricia fisiologica, ivi compresi i parti podalici e gemellari senza complicanze, nonché l’emergenza ostetrico-ginecologica in attesa del medico reperibile;
  • Ospedale di Moncalieri (To), con ulteriore contratto di collaborazione dall’anno 2000 all’anno 2007;
  • Ospedale di Chieri (To), con rapporto di lavoro libero-professionale;
  • di operare dal 1985, in veste di libera professionista, nel settore dell’assistenza domiciliare al parto, utilizzando dal 1990 la specifica D.G.R. che consente il rimborso parziale delle spese sostenute dall’utenza;
  • di aver maturato nel contempo esperienze specifiche nel settore dell’educazione-informazione sessuale, nelle scuole elementari, medie inferiori e superiori e in istituzioni consultoriali private (AIEMP), organizzando e frequentando un corso specifico per “Educatori sessuali” rivolto alle ostetriche.  Attualmente svolgo regolare attività di consulenza presso vari Istituti scolastici, attraverso interventi diretti nelle classi;
  • di possedere la qualifica di Istruttore PBLS – Pediatric Basic Life Support, rilasciata dalla SPES (Scuola Permanente di Emergenza Sanitaria) dell’ASL 2 di Torino;
  • di possedere la qualifica di esecutore di BLS adulto, rilasciata dalla medesima SPES.

Dal 1993 ho collaborato attivamente con il Collegio professionale di Torino (dal 1993 al 1999 in veste di membro del Direttivo, in seguito come membro esterno), promuovendo e supportando la realizzazione pratica di progetti e iniziative di formazione e/o aggiornamento delle iscritte.

Nel novembre 1993 ho elaborato e presentato alla Commissione Regionale Sanità del Piemonte due progetti inerenti:

  • lo sviluppo dell’assistenza ostetrica domiciliare al parto e al puerperio a seguito di dimissione precoce della puerpera;
  • la realizzazione di interventi specifici in ambito scolare, coinvolgenti anche la figura dell’ostetrica e finalizzati all’’educazione sessuale e a una maggior sensibilizzazione di tutti i soggetti coinvolti nell’istituzione scolastica verso le problematiche legate alla prevenzione di malattie sessualmente trasmesse e agli abusi all’infanzia, oltre alla promozione di una genitorialità responsabile.

A suo tempo sono stata co-fondatrice dell’Associazione Demetra (attualmente disciolta),  formata da libere professioniste impegnate nell’assistenza domiciliare al parto, costituitasi nel 1994 con l’intento di uniformare le prestazioni assistenziali erogate nel settore specifico di competenza e di creare strumenti di lavoro comuni.

Nell’ambito dell’Associazione ho attivamente partecipato alla stesura di un progetto dettagliato riguardante l’assistenza domiciliare al parto, su sollecito dell’allora Ministro della Sanità On Costa, a seguito di contatti verbali intercorsi con lo stesso al fine di saggiarne la disponibilità a considerare e promuovere tale metodica assistenziale.

Il progetto si compone di varie parti, che ha rappresentano uno strumento di lavoro indispensabile ad una corretta e sicura gestione dell’assistenza domiciliare al parto.

Nel 1996 sono stata contattata dall’Assessorato alla Sanità della Regione Piemonte per far parte di una commissione incaricata di stendere opportune linee-guida per l’assistenza domiciliare al parto, costituita in seno al Dipartimento Materno-Infantile.

Nel 1997 ho ricevuto convocazione formale dalla Camera dei Deputati di Roma, con la quale l’ On.De Simone mi invitava a portare il mio contributo ad un incontro finalizzato alla stesura di una proposta di legge nazionale sul parto a domicilio.

Dal 1990, anno di emanazione della D.R.G. sul rimborso del parto a domicilio, ho sempre seguito gli iter di riapprovazione annuale della stessa, proponendo le modifiche che via via si rivelavano necessarie e producendo la modulistica necessaria, tuttora in vigore, ai fini dell’istituzione della pratica.

Nel tempo ho proseguito la mia opera di collaborazione con il Dipartimento Materno-Infantile dell’Assessorato alla Sanità della Regione Piemonte ogni volta che se ne è presentata la necessità, operando in particolare sugli aspetti di salvaguardia della sicurezza dell’evento parto domiciliare e sottoponendo a revisione preliminare, nell’anno della loro emanazione, le attuali linee-guida regionali in vigore per l’assistenza al parto extraospedaliero.

Ho a suo tempo rivestito il ruolo di consulente collaboratrice all’interno di:

  • un Gruppo di Lavoro interdisciplinare istituito con nomina governativa presso l’Agenzia per i Servizi Sanitari Regionali, con la finalità di redigere apposite linee-guida sulla gravidanza e il parto, attraverso nomina formale da parte della Federazione Nazionale dei Collegi delle Ostetriche;
  • un gruppo di lavoro interdisciplinare facente riferimento alla Consulta “G.Rodari” di Roma, incaricato di realizzare riflessioni teorico-pratiche inerenti la tutela della nascita e dell’infanzia, con la finalità di approntare una proposta di legge nazionale riguardante gli argomenti trattati all’interno del Gruppo.

Ho partecipato in veste di organizzatrice, relatrice e moderatrice a numerose iniziative di formazione per ostetriche e come relatrice ad un convegno medico sulla responsabilità professionale (con annessa relativa pubblicazione della relazione per l’Editrice Minerva Medica).

Collaboro inoltre da anni con riviste di settore, pubblicando vari articoli inerenti molteplici aspetti della professione ostetrica, dell’assistenza materno-neonatale e della cultura connessa con l’evento nascita.

Ho rivestito l’incarico di membro del Comitato Scientifico della rivista “Lucina”, edita a cura della Federazione Nazionale dei Collegi delle Ostetriche, e sono stata collaboratrice saltuaria della rivista “D&D – Il giornale delle Ostetriche”.

Nel 1997 ho partecipato come coautrice alla redazione del volume “Partorire in casa – La sicurezza e il valore di un’esperienza di vita intima e profonda”- MACRO Edizioni.

Nel 2001 ho realizzato una parte della “Guida all’esercizio professionale” per ostetriche/i, per conto della EMS (Edizioni Medico-Scientifiche di Torino), e nel 2007 l’intero capitolo dedicato alle attribuzioni e competenze ostetriche per la ristampa della medesima.

Nel 2013 sono stata coautrice del testo “Lo sviluppo del bambino prima e dopo la nascita”, edito dalla Scuola Elementale di Arte Ostetrica.

Dal 1999 al 2012 ho rivestito l’incarico di collaboratore alla didattica per la disciplina di “Scienze ostetrico-ginecologiche e neonatali – Deontologia generale e diritto sanitario”, presso il Corso di Laurea in Ostetricia della Clinica Ostetrico-Ginecologica dell’Università di Torino


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...